Arrampicata

Val Masino e Val di Mello: scalando e passeggiando

Scritto da il 7 maggio 2018

Oggi doveva essere una domenica dedicata all’escursionismo, e per una parte lo è stata, ma per una buona parte ci siamo dati all’arrampicata. Tutto è nato da una giornata splendida passata in compagnia di Oltrelaverticale Guide Alpine  e del corso di arrampicata libera, dove abbiamo conosciuto tanti nuovi amici e tra un tiro e l’altro alla Placca del Pistolino in Angelone è cresciuta la voglia di scalare. Così sabato sera ci siamo trovati a pianificare una via di arrampicata, e la scelta è caduta su “Vietato Vietare” in Val Masino nel settore El Schenun. Quindi alle ore 9.00 siamo pronti ad attaccare la via: 5 tiri di difficoltà mai banale, con tiri di 5b, 5c e una bella placca gradata 6a+ al penultimo tiro. Ore 11.30 arriviamo alla fine. Grandi!! Che bella via, per noi che scaliamo saltuariamente direi che abbiamo fatto bene!! Forse anche benissimo!! Quindi siamo alle calate: dalla via Coda del Dinosauro in tre tiri si arriva alla base. Arrivati alla macchina, l’intenzione è quella di proseguire a scalare al Sasso Remenno , ma dopo una sosta a bordo fiume decidiamo per una passeggiata in Val di Mello, e così in totale relax raggiungiamo il Rifugio Luna Nascente dove sostiamo per gustarci un buon piatto di pizzoccheri e un’ottima birra raccontandoci le emozioni vissute durante la scalata. E dopo il meritato riposo rientriamo alla macchina e poi a casa. Che dire della giornata trascorsa: la via “top”, non banale e con la placca di 6a+ che ti regala non poche emozioni, poi la Val di Mello, bellissima, in questo periodo di disgelo con le diverse cascate che completano un luogo dal fascino particolare dato dai fasti della arrampicata dei primi sassisti negli anni 60. Dopo tutto ciò, purtroppo si torna alla vita settimanale, ma con un asso nella manica…l’8 maggio… STAY TUNED.

ARTICOLI SIMILI

LASCIA UN COMMENTO

Angelo3Chiara
Erba

Noi che insieme scoprimmo per caso l'amore per la montagna, vorremmo condividere con voi le nostre emozioni e le rare bellezze che in essa incontriamo