Alpinismo Escursionismo Esperti

Pizzo Tambò m. 3279

Scritto da
il
12 Luglio 2020

Un’altra domenica di sole e per l’occasione l’amico Angelo G. suggerisce il Pizzo Tambò, e così sia. Ore 5.00 ritrovo poi partenza per il Passo dello Spluga m.2117, dove arriviamo per le ore 7.00:  una fitta nebbia avvolge il passo, il termometro della macchina segna +4° e noi?.. in tenuta estiva siamo subito costretti a coprirci per poi iniziare la nostra giornata “in the mountains”. Imbocchiamo il sentiero alle spalle della ex dogana italiana, e iniziamo a salire… nel mentre che saliamo, gradualmente ci troviamo fuori della nebbia, spettacolo! Le nuvole sotto di noi e nel cielo azzurro, il sole, già alto a scaldare la nostra giornata, così proseguiamo superando alcuni nevai fino a raggiungere la base di un canale. Qui l’amico Angelo G. suggerisce di salire proprio da lì! Saliamo a fatica questo canale nevoso, di 100 m circa, con una pendenza non banale. Usciti da questo itinerario arriviamo alla Vedretta della Spianata, un ghiacciaio che occupa il circo sommitale del versante Sud-orientale del Pizzo,  chiamate così, perché incontrandola nella parte finale della via normale di salita alla vetta, se ne attraversa la sua parte superiore, pressoché pianeggiante. La strada è ancora lunga, dopo aver superato un traverso giungiamo alla base della parete dove sale la normale al Tambò. Dopo aver tolto i ramponi saliamo con molta attenzione la parete di sfasciumi, attraverso rocce con alcuni passaggi delicati di facile arrampicata,  in circa 3 ore siamo in cima! Bellissimo! La giornata splendida, solo noi lassù a contemplare la piccola cima dai suoi m.3279 . Durante la nostra pausa in vetta dove scattiamo innumerevoli foto, un’altra persona raggiunge la cima… un signore, in tenuta da running che in circa 2 ore a raggiunto la cima… foto anche a lui, poi arriva anche una coppia… lo spazio si fa stretto, decidiamo di scendere con ancora più attenzione della salita, scendendo, incontriamo varie persone tra cui due donne tedesche che ci chiedono info sulla salita, due chiacchiere e poi giù fino al Tamborello! E proprio sotto il Tamborello sostiamo per mangiare qualcosa mentre ammiriamo il panorama… dove un omone di pietra domina l’orizzonte… Poi seguendo la normale torniamo alla macchina con qualche divertente “sciata” di sedere sulla neve. Una volta alla macchina, contenti e felici, andiamo a Madesimo a gustarci un panino e una birra al bar Dallale!

https://connect.garmin.com/modern/activity/5226974695

 

Photogallery

PERCORSO
ARTICOLI SIMILI
Angelo3Chiara
Caslino d'Erba

Noi che insieme scoprimmo per caso l'amore per la montagna, vorremmo condividere con voi le nostre emozioni e le rare bellezze che in essa incontriamo