Alpinismo Invernale

Pizzo dei Tre Signori m.2554

Scritto da
il
26 Gennaio 2020

Ultima domenica di gennaio, in compagnia di Angelo, Valentina e Gianni partiamo alla volta della Val Biandino per salire il Pizzo dei Tre Signori in invernale attraverso il canale nei pressi del Lago di Sasso. Ore 7.00, parcheggiamo nei pressi del 2° ponte e dopo il primo tratto noioso di strada arriviamo alla Bocca di Biandino dove ci sono i vari rifugi: Tavecchia e Val Biandino. Proseguiamo attraverso la valle imbiancata e dopo aver calzato i ramponi, saliamo passando per le Baite di Sasso, fino al Lago di Sasso m.1922, qui facciamo uno spuntino, ammirando il paesaggio invernale con il Pizzo dei Tre Signori che svetta dinanzi a noi. Fa freddino, così riprendiamo a camminare attraversando il lago ghiacciato fino alla base del canale, ora facciamo cambio attrezzatura: via i bastoncini per la piccozza, fondamentale per la progressione in sicurezza. Questa per noi è la seconda volta su questo itinerario, era maggio e calpestavamo l’ultima neve del 2019… oggi, a distanza di 8 mesi lo ripetiamo in pieno inverno con più neve e in condizioni ottime. Saliamo, saliamo e dopo l’ultimo ripido tratto, usciamo sulla Bocchetta di Foppagrande m.2450, non ci soffermiamo molto e puntiamo alla vetta, che raggiungiamo in circa 4 ore. Come l’ultima volta le nuvole ci nascondono un po’ di panorama e una volta ricompattati ci complimentiamo a vicenda per aver raggiunto la vetta del Pizzo dei Tre Signori m.2554. Foto, mangiamo qualcosa e poi giù, perché il freddo comincia a farsi sentire… seguiamo la traccia di salita fino al Rifugio Val Biandino dove ci fermiamo per brindare a questa giornata “in the mountains” tra amici. Fantastica salita, per questo canale che regala la giusta adrenalina, con la vetta del Pizzo che non delude mai… in inverno poi ha tutto un altro sapore.

 

 

https://connect.garmin.com/modern/activity/4490257109

Photogallery

PERCORSO
ARTICOLI SIMILI
Angelo3Chiara
Caslino d'Erba

Noi che insieme scoprimmo per caso l'amore per la montagna, vorremmo condividere con voi le nostre emozioni e le rare bellezze che in essa incontriamo