Arrampicata

Pilastri del Lago – Via Caprice

Scritto da
il
28 Giugno 2019

Questo fine giugno 2019 si ricorderà per le più alte temperature mai registrate, così noi per sfuggire alla canicola prendiamo un giorno di ferie e scappiamo in montagna per realizzare un progetto che da qualche anno ci ronza nella testa. Quindi si parte alla volta della Valmalenco per raggiungere Campo Moro, una volta raggiunta la diga di Alpe Gera, parcheggiamo l’auto, poi seguendo il sentiero raggiungiamo la sommità della diga seguendo la strada sterrata, superiamo la galleria a destra e saliamo verso la parete dove inizia la nostra scalata. Esattamente 4 anni fa su questa roccia affrontammo la nostra prima via di più tiri con l’amico e guida alpina Emanuel e oggi proviamo a ripercorrere la stessa via in autonomia. Ore 11.00, attacchiamo la Via Caprice.  All’ombra della parete ci prepariamo e dopo i vari controlli iniziamo la nostra scalata… Sulla carta il primo tiro dovrebbe essere il più duro così con quella giusta dose di determinazione lo superiamo, poi continuiamo sul secondo, terzo e quarto fino a raggiungere l’erba. Qui, sostiamo un attimo, giusto il tempo per riprenderci da questi primi 4 tiri, ammirando il paesaggio che questo luogo offre, complice anche la splendida giornata di sole  che ci permette di godere a pieno dei colori del lago. Ora parte Chiara per scalare il suo tiro da prima… Con un po’ di tensione lo supera, poi i due tiri successivi non banali toccano ad Angelo, e poi l’ultimo tiro a Chiara. Vai!! Ce l’abbiamo fatta!! Per noi un piccolo sogno che si realizza, qui dove 4 anni orsono ci sembrava impossibile scalare, ora con impegno, determinazione ed esperienza siamo riusciti nel nostro intento. Seguiamo gli ometti e raggiungiamo la Val Poschiavina dove ci rilassiamo godendoci il paesaggio. Poi con calma raggiungiamo l’auto per poi fermarci al Rifugio Zoia per una meritata birra!

 

Photogallery

ARTICOLI SIMILI
Angelo3Chiara
Caslino d'Erba

Noi che insieme scoprimmo per caso l'amore per la montagna, vorremmo condividere con voi le nostre emozioni e le rare bellezze che in essa incontriamo