Ghiaccio

Corso Cascate di Ghiaccio

Scritto da
il
20 Febbraio 2018

Quest’anno è l’anno magico per noi, l’anno del ghiaccio e della neve! Dopo aver provato ad arrampicare sul ghiaccio, in una giornata organizzata da Oltrelaverticale Guide Alpine , con il grande Matteo Piccardi, ci è piaciuto un sacco e ci iscriviamo al corso!

Il 3 febbraio ci incontriamo alle ore 6.00 a Bione (Lc): conosciamo i nostri compagni di avventura, i simpaticissimi Pietro, Alessandro e Paolo, e la nostra guida, il magico Luca Moroni. Partiamo per la prima lezione, destinazione Val Paghera! La prima giornata ci serve per prendere una buona confidenza con il ghiaccio, Luca ci mostra le varie tecniche di arrampicata, e noi le mettiamo in pratica. Si tratta di una cascata di II grado circa, non troppo verticale, l’ideale quindi per imparare. Dopo diverse salite, qualche foto e qualche pausa di rifornimento arrivano le 15.30, la stanchezza e il freddo si fanno sentire, quindi Luca smonta i tiri, sistemiamo le corde e ci avviamo verso la macchina. Davanti a una birretta e panino ci raccontiamo la giornata, poi ritorno a casa.

Arriva domenica 11, per la seconda lezione destinazione Pontresina, Svizzera! Si tratta della cascata Canyon di Pontresina, cascata artificiale, bella e verticale, di III grado circa. Il termometro quando siamo arrivati segnava – 13.5 , e questo ci ha fatto un pò temere, ma poi in realtà tra la concentrazione nella scalata, e un sole timido che comunque è comparso, non ci ha dato problemi. Qui abbiamo avuto modo di testare la cascata verticale, e quindi di mettere in pratica determinate tecniche di scalata.  E anche oggi purtroppo il tempo passa, arrivano le ore  15.00, Luca smonta i tiri e ci avviamo verso la macchina. Una bella birra in compagnia, e poi si torna a casa.

E siamo arrivati all’ultima lezione, un intero week end dedicato alla scalata su ghiaccio! Il primo giorno andiamo alle Cascate del Presena, e ci arriviamo dopo aver preso la funivia al Passo del Tonale, verso la località Paradiso. La cascata si trova proprio a 10 minuti dalla funivia, in un contesto spettacolare! Arriviamo sotto la cascata, ci prepariamo con imbrago, casco e ramponi, e saliamo il breve pendio che ci porta ai piedi della cascata stessa. E nel frattempo Luca si è imbragato, ha portato su le corde e ci ha montato i tiri…grande Luca!! Oggi fa freddo! Partiamo subito per scaldarci, e ci accorgiamo che abbiamo fatto tutti dei bei progressi. Questa cascata è un pò meno verticale della precedente, e ci dà modo di mettere in pratica tutte le tecniche acquisite, e aumentare la nostra sicurezza nella scalata. Purtroppo inizia a nevicare, sono circa le 14.00, e dopo un pò si alza anche il vento, quindi siamo costretti a smontare tutto. Scendiamo, ci sistemiamo, e facciamo la nostra classica sosta birretta prima di prendere la funivia. La sera una bella pizza tutti insieme, e tra una chiacchiera e l’altra tiriamo un pò le somme… decidiamo anche la destinazione per il giorno dopo: Val Paghera!

E arriva l’ultimo giorno, oggi finalmente scaleremo una via! Anzi due! Ad ognuno viene affidata una guida, a noi ci porta il mitico Matteo Pasquetto!

Partiamo con la prima via, la Cascata del Sentiero, due tiri divertenti e vari, il magico Pasquetto ha cercato sempre di metterci alla prova sfruttando la verticalità della cascata, e noi ci abbiamo dato dentro! Arriviamo in cima alla cascata, soddisfatti perchè non abbiamo avuto grandi dificoltà; facciamo su le corde, e prendiamo un sentiero a sx che ci porta ai piedi della seconda cascata di oggi: l’Albero di Natale, tre tiri e forse un pò più verticale, anche questa una bella cascata! E anche qui, forse con qualche difficoltà in più rispetto alla precedente, ne usciamo bene!! Arriviamo in cima super contenti, il selfie in sosta prima di calarsi direi che ci sta, e poi via…si scende!! Che giornata magica!! Abbiamo fatto due belle vie di più tiri su ghiaccio, e il ghiaccio ha il suo fascino!

Sono le ore 14.00, ci incontriamo con gli altri, e poi tutti insieme a ristorarci al bar, contenti ma non contentissimi perchè il corso purtroppo è già finito!

Che dire: corso TOP. organizzato alla perfezione: ci hanno dato la possibilità di conoscere posti nuovi, dove poi noi potremo tornare. E Luca è veramente una bomba, in 4 lezioni ci ha insegnato ad arrampicare su una parete di ghiaccio verticale, senza averlo mai fatto prima, e arrampicare bene su ghiaccio è un’arte! E poi abbiamo avuto modo di conoscere nuovi amici, con cui sicuramente organizzeremo altre avventure.

Photogallery

ARTICOLI SIMILI
Angelo3Chiara
Caslino d'Erba

Noi che insieme scoprimmo per caso l'amore per la montagna, vorremmo condividere con voi le nostre emozioni e le rare bellezze che in essa incontriamo