Alpinismo Invernale

Canale dei Camosci – Zuccone Campelli m.2161

Scritto da
il
12 Gennaio 2020

E’ passato un anno da quando ci siamo trasferiti a Caslino d’Erba e contemporaneamente il passaggio al suo CAI. Dopo un anno passato a frequentare la sezione, aiutandola nelle varie attività tra cui la manutenzione dei sentieri, oggi iniziamo un nuovo percorso, partecipando alla prima uscita organizzata per questo 2020 che si prospetta entusiasmante con uscite interessanti che danno la possibilità ai vari soci che partecipano di  poter esplorare zone meno conosciute, e dando la possibilità anche ai meno esperti di imparare a muoversi su terreni impegnativi… le prime uscite sono di impronta invernale, perciò, possono subire delle variazioni a seconda dell’innevamento, e appunto in questa occasione cambio di programma, tempestivamente comunicato, l’uscita si sposta dal Monte Resegone al Canale dei Camosci. Ritrovo fissato per le ore 7.00 davanti al Comune di Caslino d’Erba, ci siamo noi, insieme ai nostri compagni di avventura Angelo e Gianni, partiamo alla volta di Moggio e per le ore 8.00 siamo pronti. Prendiamo via Roncaiolo, poi per indicazioni saliamo per il sentiero n.722 che ci porta in circa 2 ore alla Bocchetta di Pesciola.  Dopo una salita senza neve, giungiamo alla Bocchetta, ci affacciamo  e vediamo i Piani di Bobbio completamente imbiancati con la moltitudine di sciatori che già sfrecciano in questa giornata splendida.  Proseguiamo addentrandoci nella conca ombrosa e gelida del Vallone dei Camosci, che in breve ci porta alla base del suo omonimo canale… dopo esserci ramponati, ora mettiamo via i bastoncini che sostituiamo con la piccozza. Saliamo seguendo la traccia, che ad un certo punto si divide, andiamo a sinistra e una volta nel canale, inizia il divertimento: la neve caduta in abbondanza ricopre completamente il canale e con una consistenza perfetta, tra una variante e l’altra arriviamo all’uscita. Wow!! Che goduria!!! La vista non ha eguali, nel mentre aspettiamo il “veterano” Gianni ci scattiamo alcune foto e anche la storia su istagram. Una volta ricompattati, proseguiamo fino alla vetta! Zuccone Campelli m.2161 in invernale per il Canale dei Camosci!! CAI – Caslino d’Erba! Sono le ore 11.30, la giornata è fantastica, non è freddissima, in cielo nemmeno una nuvola, le montagne intorno a noi imbiancate danno al panorama un qualcosa di unico, forse irripetibile… contenti, immortaliamo il momento. I fantastici 4 sulla vetta! Mangiamo qualcosa, poi purtroppo dobbiamo abbandonare questo luogo magico che oggi offre panorami mozzafiato… con attenzione superiamo i brevi passaggi, i più delicati della giornata poi seguendo la facile cresta andiamo verso i Piani di Artavaggio. Non ci sono parole, il sole caldo ci fa rilassare e proseguendo la nostra escursione, scendiamo fino ad un pendio tracciato, lo seguiamo e ci porta nel pianoro sotto ai più conosciuti Piani di Artavaggio. Una volta nel pianoro ci allontaniamo tra noi… quasi apposta… ognuno con se stesso in questo deserto bianco che luccica come fosse ricoperto da piccoli diamanti.  Ore 12.45 raggiungiamo il cartello e dopo esserci riuniti di nuovo iniziamo la discesa che passando per Prato Rotondo m.1660 ci porta attraverso un sentiero alquanto “wild” fino a trovare il bivio presso la fontana La Piazza m.1144, per poi rientrare alla macchina. Ci siamo proprio divertiti: bella la salita, bella la discesa… poi la giornata splendida di oggi, insomma tutto perfetto… contenti ci rilassiamo al bar nei pressi del municipio sorseggiando un buon cappuccio/caffè e dandoci l’appuntamento per la prossima uscita insieme. Non possiamo non ringraziare il CAI di Caslino d’Erba per l’ottima organizzazione, in particolare Angelo Gatti che si è prodigato all’organizzazione del programma.

Prossimo appuntamento: domenica 23 febbraio. Per info: CAI Caslino d’Erba

https://connect.garmin.com/modern/activity/4434422524

Photogallery

PERCORSO
ARTICOLI SIMILI
Angelo3Chiara
Caslino d'Erba

Noi che insieme scoprimmo per caso l'amore per la montagna, vorremmo condividere con voi le nostre emozioni e le rare bellezze che in essa incontriamo